Vernasca (PC)

                         Tracciato piacentino della Via Francigena (e sue varianti)

                                                           (Marisa Uberti)

 

 

Lungo il nostro percorso sulla Via Francigena, facciamo le dovute deviazioni, per addentrarci in territori che non conosciamo e che meritano di essere visti.  Il Comune di Vernasca occupa un territorio stretto ed allungato in direzione nordest-sudovest posto al confine con la provincia di Parma ed è costituito dalle tre vallate parallele dei torrenti Arda, Ongina e Stirone. Di antichissima origine (sulle colline si susseguono numerosi castellieri, fortificazioni protostoriche), nell'Alto Medioevo entrò a far parte dei possedimenti dell’Abbazia di Val Tolla, fondata presumibilmente nella prima metà del secolo VII. Durante questo periodo il borgo, ancora denominato "Lavernasco" come nella forma originaria, fu dotato dall’Abbazia di un castello (secolo X), di cui non resta traccia.

Nel centro del paese si incontra, appena entrati, la chiesa dedicata a San Colombano, il grande monaco evangelizzatore irlandese (fondatore del monastero di Bobbio), edificio che sostituisce (dal 1890) la primitiva pieve dedicata al santo, per vedere la quale bisogna arrampicarsi su per la salita (indicazioni adeguate), a piedi. La vista del panorama ripaga poi della modica fatica.

La Pieve sorge in posizione dominante; risale al XII secolo, ma ciò che rimane è solo l'abside e il campanile. E' un po' desolante vedere un edificio ridotto così, dato che doveva essere notevole, tuttavia i suoi ruderi hanno qualcosa di affascinante che esige rispetto e attenzione. L'abbattimento del resto della chiesa avvenne all'inizio del XX secolo, a causa di una frana che lo aveva già reso pericolante.

Le parti superstiti della Pieve, originariamente edificata su di un impianto basilicale a tre navate nei pressi dello scomparso castello di Vernasca, sono affiancate dall’antica canonica che attualmente ospita il Centro Visita Provinciale della Via Francigena, uno spazio museale e didattico nel quale sono raccolti, al pianterreno, materiali illustrativi e reperti storici riguardanti la tratta piacentina del cammino di pellegrinaggio verso Roma. Al primo piano sono invece esposti gli affreschi distaccati dalle pareti absidali dell’antica Pieve, tra cui quello della "Madonna Incoronata". Questi affreschi, risalenti al 1474, furono staccati e restaurati nel 1969; solo da poco tempo sono esposti al pubblico in quest’ambito, dopo essere stati ospitati per anni nei locali del Municipio.

Ricordiamo che Vernasca è compreso in uno dei due itinerari medievali alternativi a quello della Val d'Arda, quello della via di crinale (Passo del Pelizzone), che passava proprio da questo borgo fortificato e da Vigoleno, rappresentando un vantaggio specialmente per chi proveniva dall’abbazia di Chiaravalle alla Colomba di Alseno, la quale ricoprì certamente un ruolo di primo piano nel pellegrinaggio medievale piacentino.

Argomento: Vernasca

Nessun commento trovato.

Nuovo commento